6.50. Module-Init-Tools-3.1

Il pacchetto Module-Init-Tools contiene programmi per gestire i moduli del kernel in kernel Linux maggiori o uguali alla versione 2.5.47.

Tempo approssimativo di costruzione: 0.1 SBU
spazio su disco richiesto: 4.9 MB
L'installazione dipende da: Bash, Binutils, Bison, Coreutils, Diffutils, Flex, GCC, Glibc, Grep, M4, Make e Sed

6.50.1. Installazione di Module-Init-Tools

Module-Init-Tools cerca di riscrivere la sua man page di modprobe.conf durante il processo di costruzione. Ci non necessario, e inoltre fa riferimento a docbook2man, che non installato in LFS. Eseguire il seguente comando per evitare questo:

touch modprobe.conf.5

Preparare Module-Init-Tools per la compilazione:

./configure --prefix="" --enable-zlib

Significato delle opzioni di configurazione:

--enable-zlib

Questo permette al pacchetto Module-Init-Tools di gestire moduli kernel compressi.

Compilare il pacchetto:

make

Per testare i risultati digitare: make check.

Installare il pacchetto:

make install

6.50.2. Contenuti di Module-Init-Tools

Programmi installati: depmod, insmod, insmod.static, lsmod (link a insmod), modinfo, modprobe (link a insmod), e rmmod (link a insmod)

Brevi descrizioni

depmod

Crea un file di dipendenza basato sui simboli che trova nel set di moduli esistente; questo file di dipendenza usato da modprobe per caricare automaticamente i moduli richiesti

insmod

Installa un modulo caricabile nel kernel in funzione

insmod.static

Una versione di insmod compilata staticamente

lsmod

Elenca i moduli correntemente caricati

modinfo

Esamina un file oggetto associato ad un modulo kernel e visualizza ogni informazione che pu ricavare

modprobe

Usa un file di dipendenza, creato da depmod, per caricare automaticamente i moduli rilevanti

rmmod

Scarica i moduli dal kernel in esecuzione