X e xdm

Se all'avvio del computer volete che non parta l'interfaccia testuale, ma si attivi direttamente quella grafica, potete configurare xdm in modo che sia possibile fare login in una finestra. Come per le sessioni testuali login autentica l'utente e fa partire una shell, nello stesso modo xdm fa l'autenticazione e fa partire una sessione, che comunemente un window manager. Quando la sessione terminata, xdm resetta il server X e (in maniera opzionale) riavvia il processo.

xdm permette anche di fare login non sulla macchina locale, ma su una remota. Per maggiori informazioni sull'argomento consultare la pagina man.

All'interno di una sessione di X, il corrispondente delle shell testuali si ritrova negli xterm. Un xterm avviato senza opzioni corrisponde ad una shell interattiva ma non di login: per la bash questo significa che viene letto ed eseguito il file ~/.bashrc, valido per le shell interattive, ma non /etc/profile n ~/.bash_profile, che si riferiscono alle sole shell di login.

Per avere all'interno di X una shell di login, in cui quindi siano attive tutte le impostazioni delle shell testuali, xterm va usato con l'opzione -ls (login shell).