PLUTO ReFUN

Perchè farlo?

L'attuale mondo informatico tende ad essere piuttosto appiattito, sia per l'hardware che per il software, su soluzioni decisamente uniformi, per usare un eufemismo. Se la standardizzazione ha i suoi vantaggi, l'uniformità porta diversi inconvenienti, tra cui soprattutto la noia di macchine mortalmente uguali.
Guardare al passato permette di ritrovare ottime soluzioni che l'ingegno aveva individuate e che sono state abbandonate, spesso perchè troppo costose. Aprire una vecchia macchina ci offre la possibilità di apprezzare, e talvolta ammirare, soluzioni tecniche che non ci sognamo nemmeno su macchine più recenti, specialmente quelle di fascia consumer con le quali abbiamo a solitamente a che fare.

Oltre a questo, è difficile spiegare il divertimento e la soddisfazione di affrontare qualcosa di diverso, qualcosa di difficile, e di venirne a capo, nonostante le difficoltà. Noi cerchiamo soprattutto questo.
Inoltre, i calcolatori che recuperiamo possono essere utilizzati (noi lo facciamo) per molte attività perloppiù inerenti al ripristino di altre macchine. Questo dà la soddisfazione di aver reso utilizzabili e godibili dei calcolatori che altrimenti sarebbero solo ingombranti rifiuti speciali.

Il progetto PLUTO ReFUN nasce dal gruppo ReFUN di Padova, che ha scelto di proporre la propria esperienza a livello nazionale.
Il gruppo di Padova ha la fortuna di lavorare con il Museo Didattico di Storia dell'Informatica FMACU-UNESCO (MUSI) con il quale condivide la sede; tuttavia anche l'esperienza del museo può essere condivisa in rete, e i numerosi musei on-line lo testimoniano. Perciò il museo offre la possibilità di affiliarsi ad altri laboratori ReFUN sul territorio: in questo modo il sarà arricchito dalla esperienza e dalle collezioni di altri laboratori ReFUN.

Attività

Oltre alle attività già descritte di laboratorio finalizzate al recupero, desideramo condividere e diffondere ad altri il nostro interesse e esporre il nostro lavoro: godiamo molto della curiosità e dell'interesse che suscitano le nostre macchine in occasione di eventi pubblici come i Linux Day e i Webbit ai quali partecipiamo regolarmente.
Possiamo collaborare con realtà locali svantaggiate per fornire assistenza e materiale, o con associazioni e gruppi che si occupano di fornire materiale funzionante per paesi in via di sviluppo, ricordandoci sempre che non sono la nostra pattumiera: forniremo loro materiale che ha una prospettiva di vita.
Ogni altra attività finalizzata alla diffusione della cultura del recupero e dell' informatica sostenibile è benvenuto.
Collaboreremo con altre associazioni o progetti che hanno finalità affini.

precedente |  1 |  2 | 3 |  4 |  5 |  seguente |  tutte